Parte "Proteggi la tua identità in Cina!" per le aziende del Made in Italy

Parte "Proteggi la tua identità in Cina!" per le aziende del Made in Italy
Da una nostra indagine, è emerso il dato preoccupante che la stragrande maggioranza delle aziende Italiane che intendono operare o operano sul mercato cinese, NON hanno registrato il proprio marchio in Cina, così come il proprio indirizzo internet cinese.

Un'imprudenza che può finire per costare molto cara, soprattutto quando i risultati cominciano a diventare interessanti, cosa che ovviamente attira subito le attenzione dei "professionisti della copia" o i ladri di identità aziendali (brand-squatter), che basano le proprie attività sull'appropriazione indebita del successo altrui.

Molti i rischi che si possono correre se non si agisce preventivamente: si va dalla impossibilità di difendersi dai sempre più diffusi ed aggressivi "copiatori di brand" seriali e "cacciatori" di indirizzi internet da registrare, fino al paradossale rischio di dover pagare i danni per violazione dei diritti di proprietà intellettuale ad altra azienda cinese, come accaduto di recente ad una azienda di vino francese che ha dovuto pagare ben 5 milioni di dollari per aver usato la versione cinese di "chateau" che era stata registrata da un'altra azienda cinese.

Abbiamo quindi provato a chiedere direttamente alle aziende le motivazione per cui quasi nessuna di loro, nel proprio ingresso sul mercato cinese, consideri necessario effettuare la registrazione del proprio marchio in Cina ed indirizzo internet (la propria identità digitale).

A parte la minoranza che agisce così per semplice negligenza, la maggior parte dei contatti sottolinea i costi elevati necessari per attivare il processo di registrazione sia del marchio che del proprio indirizzo internet sul mercato cinese (attorno ai 1.000 / 1.500 EURO).

Per questa ragione e per aiutare le aziende italiane a far fronte a questo rischio sempre più crescente, Taste of Italy lancia la campagna "proteggi la tua identità in Cina", che con un pacchetto ad un costo forfetario di 500€, consenta alle aziende italiane di poter procedere alla registrazione del proprio marchio aziendale e anche del proprio indirizzo internet cinese.

Una iniziativa che intende contribuire a tutelare i futuri successi del Made in Italy sul mercato cinese e consentire alla aziende italiane di poter entrare sul mercato in maniera avveduta e meno improvvisata, tutelando concretamente la storia che ogni marchio rappresenta, la garanzia e biglietto da visita per una solida e crescente presenza sul mercato.

Per informazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

o contattare i nostri uffici di Shanghai al seguente numero italiano
02 303123673

Informazioni aggiuntive